La commedia dell'arte

È un genere teatrale diretto anche ad un pubblico poco acculturato che si sviluppa nella seconda metà del Cinquecento e si protrae anche nel Settecento.

[member]Ci sono 4 caratteristiche che definiscono questo genere di teatro:

  • La commedia dell’arte concepisce il teatro come puro spettacolo diretto a divertire il pubblico: scompaiono le recitazioni a memoria di un testo scritto.
  • Questo genere privilegia il ruolo dell’attore, la sua competenza professionale fatto di capacità di interpretazione, improvvisazione, e di carattere mimico-acrobatico.
  • Rappresenta dei personaggi come tipi fissi cioè titolari di una sola caratteristica generale costante (l’avaro, il giovane innamorato, il vecchio babbeo, il servo furbo ed intrigante…). Hanno una psicologia molto semplificata in cui non emerge alcun tipo di evoluzione: staticità del personaggio. Ciò rende i personaggi di queste commedie differenti dalle persone reali. Importante è anche il ruolo della maschera: essa rimane sempre uguale al variare dello stato d’animo dell’attore (PERSONAGGI-MASCHERA). Le vicende attribuite a questi personaggi sono semplici, ovvie, ripetitive, scontate: tutto ciò era comunque apprezzato dal pubblico e riscuoteva un grande successo. Il modo di gesticolare e il costume sono altri due aspetti distintivi del personaggio della commedia d’arte. Gli esempi più famosi di personaggi sono Pantalone, mercante veneziano avaro e donnaiolo con il costume tipo rosso e nero, Balanzone/Graziano, dottore ciarlatano con vestito nero e camicia bianca, Brighella, servo furbo con costume bianco e verde e Arlecchino, in origine servo sciocco poi evoluto in furbo con il famoso costume multicolore. Alcune volte l’attore diventa il personaggio stesso nel senso che l’uomo per tutta la durata della sua vita scenica viene identificato nella figura del personaggio che interpreta.
  • L’improvvisazione viene risaltata: l’attore non ha a disposizione un testo scritto contenente le battute ma possiede solamente un canovaccio su cui vengono inserite delle informazioni sull’opera come la trama, la divisione in atti, i personaggi e gli attrezzi scenici. Si servivano anche degli Zibaldoni, ossia delle raccolte di dialoghi specifici per ogni occasione, e dei lazzi, battute volgari molto divertenti. In conclusione l’abilità dell’autore era valutata in base a come riusciva ad assemblare le parti prese dagli Zibaldoni con la propria inventiva del momento. Non era raro che durante il corso dell’opera ci fosse l’intervento del pubblico: in questo caso era fondamentale che l’attore sapesse rispondere immediatamente alle parole degli spettatori.

Nel Settecento comunque la commedia dell’arte vide un periodo buio: nonostante fosse ancora fonte di divertimento il genere subiva una standardizzazione. Nel secolo fu molto importante la figura di Goldoni che riuscì a riformare il genere teatrale nel suo complesso apportando le sue idee su scala europea.[/member]


Scheda autore Nicola Possamai

Nato nella seconda metà del 1995 Nicola ha da sempre manifestato un grande interesse verso il mondo della tecnologia in particolare verso l’informatica. Oggi è responsabile del centro internet del suo Comune dove tiene dei corsi per i concittadini in difficoltà riguardo l’ambiente windows e, a volte, l’ambiente linux. La sua particolarità è il fatto di essere molto ambizioso e pertanto molto autocritico: desidera sempre superare i propri limiti. Di recente ha rappresentato il suo istituto alla gara nazionale igea presso l'”ITCG Martini” di Castelfranco Veneto ottenendo il terzo posto a pari merito con il secondo classificato. Dopo essersi diplomato con il 100 e lode studia economia aziendale alla Ca’ Foscari. Ama i gatti e la sua squadra del cuore è il Milan 🙂

Italiano, Scuola , , , ,

Informazioni su nicpos95

Nato nella seconda metà del 1995 Nicola ha da sempre manifestato un grande interesse verso il mondo della tecnologia in particolare verso l'informatica. Oggi è responsabile del centro internet del suo Comune dove tiene dei corsi per i concittadini in difficoltà riguardo l'ambiente windows e, a volte, l'ambiente linux. La sua particolarità è il fatto di essere molto ambizioso e pertanto molto autocritico: desidera sempre superare i propri limiti. Di recente ha rappresentato il suo istituto alla gara nazionale igea presso l'"ITCG Martini" di Castelfranco Veneto ottenendo il terzo posto a pari merito con il secondo classificato. Dopo essersi diplomato con il 100 e lode studia economia aziendale alla Ca' Foscari. Ama i gatti e la sua squadra del cuore è il Milan :)

Precedente Il vero assolutismo di Luigi XIV Successivo Il bilancio di esercizio