Il vero assolutismo di Luigi XIV


Luigi XIV diventa re nel 1643 a cinque anni. È sotto tutela di Anna d'Austria. Il primo ministro in quel momento è Mazarino. Nel 1661 assume il potere in seguito alla morte del cardinale: prende da solo le reti dello Stato. Luigi XIV voleva l'assolutismo in quanto abbracciava la derivazione del potere da Dio. Assunse come simbolo il sole: è fonte di vita ed è al centro del sistema solare. Egli rafforzò lo Stato eliminando le forze locali: nobiltà, Chiesa e Parlamento i provinciali, organi giudiziari minori. In particolare quest'ultimi godevano del diritto di rimostranza, potevano cioè rifiutarsi di eseguire le leggi regie.

Per visualizzare il contenuto è necessario loggarsi

Scheda autore Nicola Possamai

Nato nella seconda metà del 1995 Nicola ha da sempre manifestato un grande interesse verso il mondo della tecnologia in particolare verso l'informatica. Oggi è responsabile del centro internet del suo Comune dove tiene dei corsi per i concittadini in difficoltà riguardo l'ambiente windows e, a volte, l'ambiente linux. La sua particolarità è il fatto di essere molto ambizioso e pertanto molto autocritico: desidera sempre superare i propri limiti. Di recente ha rappresentato il suo istituto alla gara nazionale igea presso l'"ITCG Martini" di Castelfranco Veneto ottenendo il terzo posto a pari merito con il secondo classificato. Dopo essersi diplomato con il 100 e lode studia economia aziendale alla Ca' Foscari. Ama i gatti e la sua squadra del cuore è il Milan :)