Appunti sulla Cina

L’Asia è il continente più importante del pianeta terra: è il continente con maggiore estensione con i suoi 44 milioni di kmq ed è il più popolato con oltre 4 miliardi di abitanti.

[member]Lo Stato più importante dell’Asia è la Cina. Essa è vasta 9 milioni di kmq e ha una densità di popolazione inferiore all’Italia a causa dell’enorme estensione territoriale. La muraglia cinese divide la Cina in interna, quella a oriente, e in esterna, quella a occidente. La Cina interna è molto popolata tanto che contiene il 90% dell’intera popolazione cinese. La parte occidentale a numerosi deserti, altopiani e catene montuose. La Cina esterna è popolata solamente da 100 milioni di persone in un’area geografica di 5 milioni di kmq. Le catene montuose più importanti sono i Monti Altaj, che segnano il confine con la Mongolia, il Tianshan, il Cunlunshan, il Karakoram e la più famosa Himalaya. I deserti più importanti sono il Deserto dei Gobi e il Taklimakan. L’altopiano più importante è quello del Tibet, con un’altitudine media di circa 4000m. Il Tibet è poco popolato. La Cina esterna contiene delle minoranze etniche come i tibetani, i mongoli, i turchi e gli uiguri. Nella Cina interna vivono i veri cinesi chiamati Han. Questo nome deriva da un importante dinastia imperiale del passato.

Esiste una questione geopolitica internazionale tra Cina e Tibet. La capitale storica del Tibet è Lhasa ed è stata invasa dalla Cina nel 1950. Dopo la conquista il leader dei tibetani chiamato Dalai Lama emigra in India dove vive ancor oggi cercando di diffondere la notizia del suo esilio in modo da ottenere aiuti per l’indipendenza del Tibet. In passato il Dalai Lama era il capo politico e religioso ed era considerato la reincarnazione del Buddha. Inizialmente viste le ribellioni dei tibetani i cinesi lasciano un’autonomia al Tibet. Viste però le continue proteste, sfociate anche i suicidi molto appariscenti (alcuni monaci si bruciavano vivi), il governo cinese ha deciso di attuare un processo di Siimizzazione o Cinesizzazione. Questo processo ha come obiettivo rendere i tibetani una minoranza all’interno della loro stessa regione.

Sotto l’aspetto fisico la Cina ospita una delle montagne più importanti del mondo come il K2 che divide con il Pakistan. I fiumi più importanti cinesi sono Amur, che scorre al confine con la Russia, Chang Jang (Fiume Azzurro) che è il più lungo, Huang He (Fiume Giallo) e lo Xi Jang (Fiume delle perle). Il Fiume Giallo si chiama in questo modo in quanto una parte del corso d’acqua è caratterizzata dal colore giallo che è presente sia sulla riva che sul letto a causa della presenza del loess, una polvere originata dall’erosione dei venti.

STORIA

La civiltà cinese in origine si basava sull’agricoltura lungo il corso dei suoi fiumi. L’agricoltura era basata quasi esclusivamente sul riso. La lingua cinese è chiamata mandarino, ma nel territorio si parlano altre lingue: possiamo considerare il mandarino come lingua di coesione del popolo cinese. Le religioni sono varie anche se lo Stato dagli anni 50 ha favorito l’ateismo che, spesso, è stato promosso nei regimi comunisti. Le religioni endemiche sono il taoismo e il confucianesimo; nel paese sono giunti anche Islam attraverso i turchi e uiguri e il cristianesimo nella costa orientale. Le due religioni specifiche del luogo sono più delle filosofie di vita nei quali sono servite alle classi dominanti per controllare la popolazione nel passato. Confucio ad esempio affermava l’ordine armonico delle cose e che niente doveva essere cambiato: parlava sempre metafore come ad esempio “l’imperatore è il vento, il popolo l’erba”. Il senso della massima è che quando il vento passa l’erba si piega. La religione tutelava le classi dominanti in quanto induceva il rispetto delle gerarchie. La Cina, infatti, mostrò grandi potenzialità: celebri sono l’invenzione della bussola, della polvere da sparo e perfino un canale che collegava il fiume giallo con il fiume azzurro (grandi capacità di ingegneria-idraulica); nonostante ciò, con l’aumento dei rapporti con l’Occidente, la Cina si mostrò per l’arretratezza della sua società. Il mancato cambiamento deriva probabilmente dalla religione; in Europa ci fu la formazione della classe borghese la quale rese la società dinamica tra il settecento e ottocento.

Nel 1911 finisce l’impero cinese e il paese si trasforma in Repubblica. Il primo leader della Cina moderna era il maggior esponente del partito nazionalista di centro-destra, il suo nome era Sun Yat-sen. Negli anni 20 un gruppo di studenti intellettuali diede vita al partito comunista tra cui spiccò Mao Zedong. In alcuni libri il nome di questo illustre personaggio può subire delle variazioni. Ciò non è determinato da una diversa produzione bensì dal cambiamento dell’alfabeto cinese. In passato le traduzioni dell’alfabeto cinese erano molto difficili in quanto spesso si incorreva a degli errori. I cinesi per evitare ciò inviarono un nuovo alfabeto e rese più facile la produzione inglese. L’alfabeto in questione, chiamato pinyin, contribuì ad una maggiore comprensione dei vocaboli cinesi. Non è raro quindi trovare molti fiumi con più nomi ad essi associati. Tornando alla storia della Cina, i due partiti in principio andavano d’accordo ma tutto cambiò alla morte di Sun Yat-sen. Quest’ultimo venne sostituito da Chiang Kai-shek il quale adottò una politica ben diversa: iniziò una guerra civile. I comunisti erano comunque una minoranza e costituirono l’esercito chiamato armata Rossa. Quest’esercito, per evitare la sconfitta, marciò dal sud al Nord della Cina durante questa lunga marcia i comunisti facevano conoscere ai contadini la loro dottrina che si basava sulla creazione di una ipotetica società egualitaria. I contadini quindi aiutando i comunisti sia perché condividevano il loro pensiero sia perché i comunisti insegnavano e istruirono loro stessi essendo studenti. Nel medesimo periodo in Europa è avvenuta la guerra civile spagnola. L’armata Rossa è simile e si associa perfettamente alla rivoluzione bolscevica. Alla fine degli anni 30 però la Cina venne invasa dal Giappone che si stava estendendo già in Corea e in Manciuria al fine di ottenere materie prime per la sua industrializzazione. A questo punto i due partiti furono costretti a firmare una tregua. Alla fine della seconda guerra mondiale il Giappone fu sconfitto gli Stati Uniti per cui oggi la Cina, avendo vinto la guerra, occupa un seggio permanente nel consiglio di sicurezza dell’ONU insieme a Stati Uniti e Russia, Francia e Regno Unito.

Mao Zedong portrait.jpgAlla fine della guerra riprende di conseguenza la guerra civile anche se in un contesto geopolitico differente in seguito alla guerra fredda. L’armata Rossa viene sostenuta dall’URSS mentre il partito nazionalista dagli Usa i quali inviarono una grande quantità di armi. C’è da dire che i soldati nazionalisti erano loro stessi contadini: un po’ per volta conoscere motivi della battaglia passarono dall’altro schieramento. Si può dire che le armi degli americani aiutarono i comunisti! nel 1949 con la proclamazione della Repubblica popolare cinese i comunisti vinsero la guerra civile. I seguaci del partito nazionalista scapparono nell’isola di Taiwan, da quel momento divenne uno Stato indipendente anche se non è riconosciuto dalla Cina. L’ONU era appena nato per volontà degli Stati Uniti viene riconosciuto come rappresentante della Cina il partito nazionalista: in sostanza il governo di Taipei rappresentava quello di Pechino. Alla Cina si offrì un paese di riferimento ossia USA. Per un decennio 15 fu una stretta collaborazione: la Cina entrò nella sfera d’influenza comunista. Alla fine degli anni 50 Mao intraprendere una strada alternativa per la realizzazione della società comunista. Ciò portò ad una rottura ed un isolamento dagli anni 60. Si giunse persino a degli scontri armati sul fiume Amur. Gli Usa capirono che potevano avvicinarsi e il pretesto quando nel 1971 un incontro di ping-pong tra Usa e Cina. Iniziò un dialogo tra i due paesi è un correlato disgelo. Nel 1976 morì Mao. Si aprì la conseguente lotta per la successione la quale poteva avvenire solo all’interno del partito comunista che nel frattempo era diviso tra destra e sinistra. Vinse la destra di Deng Xiaopingil quale divenne leader nel 1979. Con il sopravvento della fazione di destra ci fu un avvicinamento con la borghesia. Gli anni 80 videro le riforme del nuovo leader; in particolare egli creò delle zone economiche speciali dette ZES. Quest’ultime si trovavano lungo le coste e lungo i fiumi in quanto erano facilmente accessibili. In Cina dunque si passò dall’economia pianificata ad un’economia di libero mercato in questi particolari territori. Deng Xiaoping si può dunque definire come un precursore di Gorbaciov e la sua Perestrojka. Grazia sola Cina anche oggi sta crescendo esponenzialmente. La Cina controlla gran parte del debito pubblico statunitense. Non si può più parlare del comunismo vero e proprio. Nel 1989 studenti cinesi scendono nella piazza principale di Pechino chiedendo maggiore libertà e democrazia (primavera cinese). Deng Xiaoping cerca di parlare e infine minaccia di studenti mandando l’esercito e arrestando gran parte dei ribelli. L’immagine classica è lo studente che sbarra la strada al carro armato. La Cina subì dure critiche soprattutto dagli Usa che interruppero le relazioni commerciali. Due anni dopo però il commercio ricominciò perché la Cina era una grande opportunità di ricchezza per gli Usa in quanto rappresentava oltre 1 miliardo di possibili consumatori. L’ossimoro socialismo di mercato rappresenta perfettamente la situazione cinese. Oggi la Cina di fatto non è più uno Stato comunista, mantiene solamente il nome. Oggi la Cina è una superpotenza militare, politica ed economica.

[/member]


Scheda autore Nicola Possamai

Nato nella seconda metà del 1995 Nicola ha da sempre manifestato un grande interesse verso il mondo della tecnologia in particolare verso l’informatica. Oggi è responsabile del centro internet del suo Comune dove tiene dei corsi per i concittadini in difficoltà riguardo l’ambiente windows e, a volte, l’ambiente linux. La sua particolarità è il fatto di essere molto ambizioso e pertanto molto autocritico: desidera sempre superare i propri limiti. Di recente ha rappresentato il suo istituto alla gara nazionale igea presso l'”ITCG Martini” di Castelfranco Veneto ottenendo il terzo posto a pari merito con il secondo classificato. Dopo essersi diplomato con il 100 e lode studia economia aziendale alla Ca’ Foscari. Ama i gatti e la sua squadra del cuore è il Milan 🙂

Geografia Economica, Scuola , , , , , ,

Informazioni su nicpos95

Nato nella seconda metà del 1995 Nicola ha da sempre manifestato un grande interesse verso il mondo della tecnologia in particolare verso l'informatica. Oggi è responsabile del centro internet del suo Comune dove tiene dei corsi per i concittadini in difficoltà riguardo l'ambiente windows e, a volte, l'ambiente linux. La sua particolarità è il fatto di essere molto ambizioso e pertanto molto autocritico: desidera sempre superare i propri limiti. Di recente ha rappresentato il suo istituto alla gara nazionale igea presso l'"ITCG Martini" di Castelfranco Veneto ottenendo il terzo posto a pari merito con il secondo classificato. Dopo essersi diplomato con il 100 e lode studia economia aziendale alla Ca' Foscari. Ama i gatti e la sua squadra del cuore è il Milan :)

Precedente We Are Never Ever Getting Back Together _ Taylor Swift Successivo Il Vietnam e la difficile unificazione